La normalizzazione dei pompini e la censura del piacere femminile

17/04/2021
minuti
di lettura

Il cunnilingus viene censurato più dei pompini e delle scene di stupro.

Riflettiamoci su un attimo.

Ma cos’è che rende il piacere femminile così minaccioso? La sessualità femminile sembra essere all’origine di una grande confusione… e anche di un certo tipo di ansia che porta a preoccupazione, censura e incitazione alla violenza. Hollywood sembra pieno di comitati censori che apparentemente amano la violenza ma non possono tollerare nessuna espressione di piacere sessuale femminile.

Questo è un argomento particolarmente interessante… perché nonostante una percezione culturale dominante secondo cui agli uomini etero non piace leccarla alle loro partner, i numeri in realtà suggeriscono qualcos’altro. I giovani eterosessuali hanno riferito di apprezzare sia il piacere orale attivo che passivo – cosa succede quindi?

Perché i pompini sono diventati mainstream, mentre il piacere femminile viene censurato?

Molto di tutto questo ha inizio con il tabù del piacere femminile. Ci sono infiniti motivi culturali che contribuiscono al divario orgasmico (e alla disparità nel sesso orale sullo schermo), ma sembra che derivino tutti dalla nostra negazione culturale del piacere femminile.

Tanto per cominciare, l’educazione sessuale solitamente non è incentrata sul piacere. Durante la nostra crescita, la definizione di “sesso” che conosciamo inizia con un maschio che ha un’erezione e finisce con l’eiaculazione. La nostra cultura giudica le donne che si godono il sesso, che hanno rapporti occasionali e più partner sessuali. Perfino acquistare profilattici continua ad essere una pratica meno accettata se a farlo è una donna.

La nostra lingua racconta una storia simile. Ci sono infiniti termini gergali per riferirsi alla “fellatio”, ma ben pochi per il cunnilingus. Usiamo le parole “sesso” e “rapporto sessuale” come se fossero intercambiabili e la stimolazione del clitoride è considerata come un “preliminare” e non come parte dell’evento principale. Abbiamo un’infinità di soprannomi per il “pene” e pochissimi (se mai ce ne sono) per il clitoride. Tutto questo comporta disinformazione e la normalizzazione di alcuni atti rispetto ad altri (pompini).

Cosa serve, allora, per normalizzare il sesso orale (al meno sullo schermo)? Il mondo del rap rappresenta un caso di studio interessante sulle relazioni. Solo alcuni anni fa, si sentivano molto espressioni del tipo “Non leccare la figa e frega queste troie”, e adesso Lil Wayne promette di “trasformarla in una foresta pluviale, piovi sulla mia testa, chiamalo brainstorming”. In pratica assistiamo a un cambiamento che è avvenuto, a quanto pare, da un giorno all’altro. I rapper ora hanno il permesso di cantare il loro amore per il cunnilingus, di sottolineare cioè il sesso reciproco che in realtà hanno sempre praticato. Possiamo solo sperare che Hollywood li segua presto.

Confidenze

Registrati per ricevere contenuti provocanti, promozioni, anticipazioni sui nuovi prodotti. Per te subito il 15% di sconto sul tuo prossimo ordine.

Regala IL Piacere

Edizione Limitata

Acquista ora